Autobiografia di un Dandy

Salve lettori oggi  non faremo la classica recensione visto la tipologia del racconto ma più un commento espanso, fatta questa piccola premessa buona lettura.

Le persone non si dividono in buone o cattive,ma solo in noiose ed affascinati.Solo questa frase basterebbe a descrivere la vita di un uomo straordinario.

La borghesia ed i suoi valori ipocriti stanno divampando un po’ ovunque,ed è per questo che un uomo si erge sopra tutto e  tutti,donando apparentemente il suo imprimatur di classe ed innata eleganza,in un mondo in cui gli standard di stile escono sempre più malconci.

Ma il nostro eroe non si ferma a questo:egli è sia ribellione e nostalgia per un mondo aristocratico,quello dell’Ancién Regime,che non esiste più,sia dipendente dal suo mondo attuale,senza la quale non potrebbe permettersi il lusso di non lavorare né di distinguersi dalla massa plebea ed ignorante.

Velata ironia e vero e proprio sarcasmo,questo permette al nostro dandy di sopravvivere in una societá tremendamente moralista ed ipocrita,alla ricerca di una vita il più possibile simile ad un’opera d’arte.

L’anticonformismo è servito,ma su di un piatto dove le regole del gioco vengono prima conosciute,e poi infrante con distacco pungente,al limite del parossismo.

Ogni aforisma è un bonbon di baci perugina versione 800’,degno di essere scartato con dovizia dei particolari.

Estetici ovviamente.

E voi che avete letto questo articolo vi è piaciuto?

Lo conoscevate, lo avete letto?

Ditemelo commentando qua sotto ,oppure nella sezione contattaci sul nostro sito troverete la nostra pagina Facebook e la nostra casella di posta.

Vi lascio anche il link per l’acquisto:

Autobiografia di un Dandy

 

Precedente Harry Potter e la Pietra Filosofale:Bentornati ad Hogwarts! Successivo Recensione libro:Wc Tales di Vincenzo De Lillo