Piccole Donne

Buona lunedì lettori! Eccoci di nuovo qua ad addolcire l’inizio di una nuova settimana con un dolcissimo classico, apprezzato da nonni, genitori e figli. Ovviamente stiamo parlando del celebre libro di Luisa May Alcott, ovvero Piccole Donne!

aChi non ha mai sentito parlare delle avventure delle quattro sorelle March? La storia di queste quattro fanciulle, pubblicata per la prima volta nel 1868(ben 149 anni fa!) ha avuto un successo così stratosferico da far sì che ancora oggi vengono pubblicate nuove ristampe dell’opera scritta, e contemporaneamente vengono prodotti film e serie tv ispirate al romanzo, ultima in ordine cronologico l’annuncio di una collaborazione tra BBC one e Masterpiece PBS per un riadattamento televisivo del classico più apprezzato dai ragazzi.

Ma quale sono stati gli elementi che hanno fatto modo di rendere questo libro un classico senza tempo, celebrato da generazione in generazione?

Senza dubbio per chi si mette alla lettura, soprattutto i ragazzi adolescenti, è un piacere vedere come i problemi legati alla crescita, al passaggio dall’infanzia all’età adulta, i primi amori e le prime delusioni, vengano racchiusi e spiegati durante la lettura, riuscendo così a creare una sorta di legame tra lettore e libro.

La cosa riesce in modo spontaneo grazie anche ad un tipo di lettura scorrevole, che non risulta mai noiosa, nonostante le vicende raccontate siano si diverse le une dalle altre, ma quasi tutte ambientate negli stessi luoghi e con dinamiche più o meno simili.

Un altro punto che porta il lettore ad apprezzare l’opera è soprattutto la bellissima caratterizzazione dei personaggi protagonisti: Le quattro sorelle,Meg,Jo,Beth e Amy hanno caratteri completamente diversi tra di loro:Meg,l maggiore cerca sempre con la sua gentilezza di aiutare le sorelle minori,Jo è senza dubbio la sorella più amata a causa del suo spirito libero ed anticonformista,Beth si differenzia dalle altre sorelle soprattutto per la sua timidezza e riservatezza, mentre la più piccola,Amy,e’ un po’ viziata a causa

d

delle

continue cure ed attenzioni che riceve

quotidianamente dalle sorelle e dalla madre. Ma tutte quante, assieme alla madre, condividono un dolore profondo: Quello dell’assenza del padre, partito ormai da un anno per affrontare la guerra di secessione americana. Ma questa assenza infonderà nelle ragazze la forza per andare avanti e la giusta determinazione per affrontare gli ostacoli che la vita le porrà davanti, diventando di giorno in giorno delle vere e proprie piccole donne.

-Ery96-

 

E voi che avete letto questo articolo vi è piaciuto?

Lo conoscevate, lo avete letto?

Ditemelo commentando qua sotto ,oppure nella sezione contattaci sul nostro sito troverete la nostra pagina Facebook e la nostra casella di posta.

Di seguito troverete il link per poter acquistare il libro:

Piccole donne

Precedente SHADOWHUNTERS, CITTA’ DELLE ANIME PERDUTE Successivo Recensione libro:La villa in vita