Recensione libro:”Kill Yourself”

Bentrovati lettori,partiamo questa settimana con una breve recensione del libro esordiente di Elena Abaci,ovvero Kill Yourself.

unnamed (2) (1).jpg

 

Questo libro è senza dubbio molto particolare,in quanto racconta la vita piuttosto complicata di due personaggi rocamboleschi,ovvero:Manu,un venticinquenne dipendente dalla droga e spacciatore di professione,e Feli,la sua fidanzata nonchè lucciola delle strade.

 

 

Da come si può evincere dalla loro breve descrizione,il libro è una sorta di immedesimazione nella vita di due persone completamente fuori dagli schemi,le così dette mele marce della società.Eppure in mezzo alla loro rocambolesca vita,c’è spazio per questo amore così strano ma sincero.

Il libro è complessivamente molto breve,tanto che i capitoli che lo compongono sono tranquillamente leggibili in poco tempo e questo lo penalizza un po’,visto che la storia raccontata poteva essere a mio parere sviluppata di più,visto che le basi per farlo ci sono,ma va comunque apprezzato nel complesso per la particolarità del tema trattato.

E voi che avete letto questo articolo vi è piaciuto?

Lo conoscevate, lo avete letto?

Ditemelo commentando qua sotto ,oppure nella sezione contattaci sul nostro sito troverete la nostra pagina Facebook e la nostra casella di posta.

Se volete offrirci un caffè o aiutarci ad ampliare il sito potete farci una donazione qui:

Donazioni

Precedente Recensione libro :"Semplicemente Giò" di Erika Lenti Successivo Recensione libro:"Fiori di campo,le radici del cuore di Martina Ghirardello