Review Party “Come due gocce nell’arcobaleno” di Amber Smith

Link per l’acquisto: Come due gocce nell’arcobaleno

Ben ritrovati cari lettori!

Quest’oggi ho il piacere di presentarvi il libro “Come due gocce nell’arcobaleno” di Amber Smith ed edito da Mondadori,

che ringrazio per avermi permesso la lettura di questa opera in anteprima.

“Come due gocce nell’arcobaleno” vede alternarsi due figure narranti (come ormai avviene frequentemente), ovvero Maia e Chris.

Maia è una giovane ragazza che si ritrova improvvisamente a dover sopravvivere senza la sua amata sorella Mallory, venuta improvvisamente a mancare.

Per i genitori di Maia sono tempi bui, e la giovane si ritrova a brancolare nel buio,

senza sapere ancora come sarà la sua vita dopo tutto questo.

Per questo motivo deciderà di impersonare il sogno di Mallory di diventare una fotografa professionista,

tanto da spacciare nel proseguo della storia le foto della ragazza per le sue.

Anche Chris ha un grosso fardello che lo tormenta.

In realtà il suo vero nome è Christina, ma non si è mai sentito a suo agio nei panni di una ragazza,

ed è quindi deciso a diventare un uomo attraverso le terapie ormonali e tutti gli iter di cui avrà bisogno.

Per lui però i più grandi problemi sono due: I bulli della scuola e sua madre.

I ragazzi del suo istituto lo hanno pesantemente preso di mira, a tal punto da mettere a repentaglio la sua salute fisica e psicologica,

mentre la mamma è molto turbata dalla decisione del figlio di cambiare sesso ed inizialmente non riesce ad accettarlo.

Per questi due motivi Chris viene mandato per tutta l’estate dalla zia Isobel nella cittadine di Carson, la stessa in cui vive Maia.

Il destino ha voluto non solo che andasse a vivere nella stessa città della ragazza, ma che addirittura essa sia la propria vicina di casa.

Nel giro di poco tempo i due si incontreranno ed inizieranno fin da subito ad instaurare un buon rapporto,

che a poco a poco diventerà qualcosa di più,

se non fosse che entrambi si nascondono a vicenda i loro segreti.

Chris infatti crede nella menzogna di Maia, e pensa realmente che essa abbia un talento per la fotografia e che con la sua macchinetta fotografica

(in realtà appartenuta a Mallory) riesca a compiere scatti fenomenali.

Allo stesso tempo Maia non nutre nessun dubbio sulla sessualità di Chris, e crede di avere davanti un ragazzo davvero affascinante.

Ma si sa, le bugie hanno le gambe corte e per entrambi arriverà il momento di rivelare i propri segreti,

ma se decideranno di farlo troppo tardi il loro dolce amore potrebbe rovinarsi per sempre,

Senza contare che Carson è una città molto piccola dove le voci corrono velocemente…

Come due gocce nell’arcobaleno è una lettura dolce ma allo stesso tempo molto riflessiva.

Soprattutto la storia di Chris, vittima di un sistema che lo reputa strano, diverso e non normale, colpisce molto per come viene raccontata.

Il suo vissuto è così tremendamente attuale che non sembra di star leggendo un libro, ma di essersi ritrovati di fronte ad una testimonianza reale.

Tra i due personaggi, come avrete già intuito ho apprezzato molto di più Chris,

nonostante anche Maia abbia un vissuto che l’ha portata all’emarginazione ed alla sofferenza.

Ma a differenza di Chris, il suo sviluppo ed il modo che utilizzerà per affrontare il suo dolore non mi ha colpita molto,

ed anzi in più di un punto mi ha fatto storcere il naso.

Come due gocce nell’arcobaleno è sicuramente una lettura che può educare un pubblico di giovani lettori,

visto che aldilà della vicende personali dei due ragazzi, esso mostra soprattutto la nascita di un primo amore,

ricco di di tutto quello che una relazione così dolce ed ingenua può riservare.

Uno dei fattori che mi è piaciuto di più di questo libro è stata la parte finale della lettura, che riesce a discostarsi dai soliti finali di questo genere letterario,

rimanendo in linea con uno stile generale anticonvenzionale.

Il numero di pagine è a mio parere congruo con quello che l’autrice voleva narrare nella sua opera,

e già con una lunghezza media (300 pagine) vi sono dei punti narrativi che ho trovato un po’ lenti e confusionari.

Complessivamente la considero una buona lettura, soprattutto per i più giovani,

ed è sicuramente un ottimo libro da potersi portare in vacanza sotto l’ombrellone.

IL MIO VOTO: 3,5/5

Classificazione: 3.5 su 5.

Se siete interessati ad altre recensioni da poter leggere, le potete trovare qui.

-Ery

Segnala a Zazoom - Blog Directory intopic.it
Precedente Segnalazione libro "Il fantasma dell’abate. La tentazione di Maurice Treherne" di Louisa May Alcott Successivo Segnalazione libro "Così vicino a te" di Liz Mac Tea

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.