Review Party “Hunger Games- Ballata dell’usignolo e del serpente”

Titolo: Hunger Games- Ballata dell’usignolo e del serpente

Autore: Suzanne Collins Genere: Fantasy

Data di pubblicazione: 19 Maggio 2020

Editore: Mondadori  Numero di pagine: 480

Prezzo: Cartaceo € 20,90; Digitale €13,99

Link Acquisto: Hunger Games- Ballata dell’usignolo e del serpente

Ben trovati amici del Labirinto!

Eccoci all’ultima tappa di questo meraviglioso Review Party dedicato ad Hunger Games!

Uscito il 19 maggio in libreria, Hunger Games-Ballata dell’usignolo e del serpente era senza ombra di dubbio uno dei libri più attesi dell’anno,

soprattutto grazie al grande bacino fandom proveniente dai tre libri di Hunger Games.

In questa nuova opera la Collins abbandona lo stile secco, duro e la narrazione in prima persona che contraddistingueva le vicende di Katniss e Peeta,

per tornare ad uno schema narrativo più convenzionale e descrittivo, senza però far mancare suspance e coinvolgimento.

Il romanzo, incentrato sulla figura del giovane Coriolanus Snow, guida il lettore lungo la trasformazione psicologica del personaggio, che con lo scorrere delle pagine passerà dall’essere un brillante studente di Capitol City, ad un astuto,

complicato e perfido giovane uomo cui l’unico obiettivo è la scalata al potere e il suo controllo.

Vedere il nostro Presidente Snow sotto un’altra luce è stato sì strano, ma la sua costruzione psicologica così perfettamente delineata tra delusioni e sentimenti,

lo rende un protagonista dalle molteplici sfaccettature, complesso, ma estremamente umano.

La storia del nostro futuro Presidente inizia in una Panem in ripresa postbellica, dieci anni dopo la vittoria di Capitol City sui ribelli.

Gli Hunger Games sono ancora in uno stato embrionale e non destano nel pubblico il grande interesse a cui eravamo abituati.

Anzi, gran parte dei cittadini dei Distretti non segue nulla oltre la Mietitura,

e i ragazzini per lo più si lasciano morire o muoiono prima di entrare nell’arena per le già precarie condizioni di salute.

Ma per la decima edizione si è pensato ad una novità, l’istituzione di un Mentore per ogni Tributo.

E il nostro Coriolanus Snow, ultimo erede di una gloriosa dinastia ormai destinata alla decadenza,

essendo una delle menti più brillanti dell’Accademia viene selezionato insieme ad altri giovani rampolli dell’aristocrazia di Capital per ricoprire il ruolo.

Il destino (o forse no) gli assegnerà il tributo femmina del Distretto 12:

Lucy Gray, una sedicenne nata per la vita sotto i riflettori, con una voce da usignolo e l’astuzia di un serpente…

E se il Tributo sembra risplendere di luce propria non da meno può essere il suo Mentore,

che attraverso un astuto gioco di squadra guiderà la giovane verso la vittoria, e la sua anima verso la perdizione.

Tra una ballata e un’intervista conosceremo i desideri e le paure più profonde di Coriolanus, abile giocatore nell’arena della sua vita, ricordando sempre che:

“Gli Snow si posano in cima”

Ho trovato molto interessante il finale, che seppur conclusivo lascia spazio ad eventuali nuovi sviluppi che vadano a ricongiungersi con la trilogia di Hunger Games, e i continui riferimenti alla trilogia stessa.

Dalla passione della nonna per le rose, che saranno poi il suo marchio distintivo, alla dolcezza di sua cugina Tigris (si, proprio quella Tigris che ne Il canto della rivolta aiuterà Katniss), fino alla minuziosa descrizione delle Ghiandaie Imitatrici, che odierà dal primo istante e che rappresenteranno i suoi incubi più reconditi, il citazionismo ai precedenti capitoli della saga è molto presente.

“Coriolanus fu certo di aver avvistato la sua prima ghiandaia imitatrice, e la detestò all’istante”

Ringraziamo di cuore Beatrice e la Mondadori, che ci hanno permesso di partecipare all’evento e di leggere il libro in anteprima… è stato uno dei migliori Review Party ai quali ho partecipato!

Un altro ringraziamento sentito va alla Oscar Mondadori per averci dato la gioia di menzionare il nostro blog nel loro articolo dedicato ad Hunger Games, che trovate cliccando qui.

Anche queste sono delle soddisfazioni di cui andare fieri!❤️

P.S: Per tutti coloro che hanno la copia cartacea, andate sul sito songbirdsandsnakes.com, nel menù selezionate “AR BOOK COVER”, seguite le istruzioni e…godetevi la magia!

Se vi siete persi le precedenti recensioni dedicate ad Hunger Games, le potete trovare qui.

Precedente "Heartstopper" di Alice Oseman Successivo "Le Black Holes" di Borja Gonzàlez