I PARADISI ARTIFICIALI, Charles Baudelaire

Buon lunedi Bookish!

In questa settimana dedicata ai classici vogliamo trasportarvi nella Parigi di metà 800, nella Parigi dei cosiddetti Poeti Maledetti.. e chi meglio di Charles Baudelaire, uno dei maggiori esponenti della corrente letteraria del tempo, può farci da guida?

L’opera di cui parleremo è uno scritto, un saggio, molto particolare di Baudelaire, I Paradisi artificiali.

210px-baudelaire_par_nadar
Charles Baudelaire

L’opera, edita nel 1860 con il titolo originale “Les Paradis artificiel”, racchiude diversi saggi in cui l’autore illustra gli effetti del vino, dell’ashish e

dell’oppio, le droghe capaci di costruire nella mente del poeta veri e propri paradisi artificiali.

Il saggio non è però, come si potrebbe pensare, un invito all’uso di sostanze stupefacenti, ma anzi un invito a non cadere nella loro fugare e pericolosissima bellezza.

Le immagini create dall’alcool e dagli oppioidi infatti, sono solo false illusioni destinate a svanire presto, ma tuttavia, per l’artista che segue i principi superiori dell’arte, sono necessarie per il processo di creazione

-FairFe-

E voi che avete letto questo articolo vi è piaciuto?

Lo conoscevate, lo avete letto?

Ditemelo commentando qua sotto ,oppure nella sezione contattaci sul nostro sito troverete la nostra pagina Facebook e la nostra casella di posta.

Di seguito troverete il link per poter acquistare il libro:

Paradisi artificiali

Precedente Eragon :Differenze libro film Successivo L'insana improvvisazione di Elia Vettorel